La dichiarazione comune

pubblicata il 23 marzo 2013
Questo non è un appello, ma una proposta di lotta.

Vediamo e viviamo la miseria, l’offesa alla libertà e alla dignità della persona, la devastazione della natura esercitate ogni giorno da parte di un capitalismo criminale.

Un giorno una corte di giustizia dovrà essere istruita contro i responsabili di questi crimini contro l’umanità.

Ma ora dobbiamo prima di tutto smettere di piangere, rimboccarci le maniche e lottare.

Continua a leggere