Contro il “Terzo valico”, a fianco delle lotte contro la Tav

A partire dallo sciopero generale del sindacalismo di base del 18 ottobre e dopo la grande e combattiva manifestazione dei movimenti sociali del 19 ottobre a Roma, l’assedio e la  ollevazione contro i luoghi del potere continuano in tutto il paese con decine di  iniziative. Innumerevoli momenti di lotta per metterli in difficoltà I nostri avversari sono la grande finanza europea, la Troika (Fmi, Ue e Bce), l’asse governativa Letta-PD-PDL-Napolitano con i loro satelliti, e, non ultimo, il sindaco Doria. Insieme stanno attuando, in nome dell’austerità, politiche che generano disoccupazione, sfruttamento, distruzione dei territori, privatizzazione dei servizi pubblici, negazione dei diritti essenziali.
Anche la manifestazione del 9 novembre a Pontedecimo contro il terzo valico un momento dell’assedio. Assedio vero, diffuso su è tutto il territorio nazionale. Con obiettivi certi ed insindacabili.


Un anno passato dall’ultimo corteo No Tav in val Polcevera, e nel frattempo decine sono stati i presidi informativi e contro gli è espropri. Migliaia le persone coinvolte.
In questo anno abbiamo anche visto i primi “ risultati” dei cantie ri COCIV che si stanno avviando:

 alle prime piogge di settembre, a causa del disboscamento dovuto all’installazione di uno dei tanto cantieri, un mare di fango è sceso a valle.
 Nei luoghi dove sono state abbandonate le case per far spazio alla futura strada che servir alle centinaia di camion che transiteranno per anni in valle, si creato il deserto. Comunità solidali che hanno sempre abitato in quei palazzi sono state è esiliate e disperse nella metropoli. Al loro posto case spettrali svuotate di tutto.
 le terre che hanno requisito presso Ceranesi con modalit per lo meno immaginose sono abbandonate a se stesse.
Per questo la risposta deve essere lotta e conflitto reali, non virtuali: per costruire una società alternativa non basta clicca re un mi piace su Facebook.
In questo stesso anno la c risi prodotta dalla grande finanza e voluta dalla Troika europea si è aggravata e, senza opposizione, si aggraverà ancora. Lo dimostrano l’aumento della miseria, l’aggravarsi della disoccupazione, le misure repressive con cui lo Stato risponde a chi difende la terra e rivendica il diritto all’abitare.
Ross@, Movimento Anticapitalista di Genova, aderisce alla manifestazione del 9 novembre a Pontedecimo, nella convinzione che i soldi che destinati al terzo valico sono uno spreco inutile e dannoso. Andrebbero spesi, tra l’altro, per la difesa del territorio, per la pulizia degli alvei, per la manutenzione stradale per la protezione delle nostre comunità sempre più spesso colpite da alluvioni.
Tutto il nostro impegno nei prossimi mesi sarà nello sforzo affinché anche a Genova tutti i movimenti di lotta partecipino attivamente e contribuiscano alla “sollevazione generale”, mettendosi in rete con l’esperienza che nata a Roma il 18-19 è ottobre.
CONTINUA LA SOLLEVAZIONE GENERALE. ASSEDIAMOLI!
Ross@ su internet: https://perunmovimentoanticapitalista.wordpress.com/
Ross@ anche su facebook è https://www.facebook.com/pages/ross-a/352955291491960?ref=hl

Annunci