Cremaschi: Landini sbaglia – L’accordo è una resa

http://www.libera.tv/videos/4610/cremaschi-landini-sbaglia—laccordo-e-una-resa.html

Giorgio Cremaschi critica duramente l’accordo sulla rappresentanza sottoscritto da CGIL-CISL-UIL e accettato anche dalla FIOM. Il merito ed il contesto rendono questo accordo, secondo Cremaschi, una resa nei contronti della Confindustria e delle politiche di austerità.

L’appello è a tutti coloro che si battono anche per la Costituzione: ” Rovesciamolo”.

******

Maurizio Landini ha dichiarato: «Considero positivo ed importante che i principi definiti tra Cgil, Cisl e Uil sulla rappresentanza siano divenuti elementi di accordo con Confindustria», ha detto il leader della Fiom, Maurizio Landini. L’intesa «segna finalmente un passo avanti in materia di rappresentanza, di democrazia nei luoghi di lavoro e di validazione dei contratti collettivi di lavoro».

«BENE LE REGOLE SUL VOTO». In particolare, ha aggiunto il leader delle tute blu Cgil, «esprimiamo un giudizio fortemente positivo sul fatto che un contratto collettivo, per essere valido, deve essere approvato da organizzazioni sindacali che, in modo certificato, rappresentano il 50% più uno, in termini di iscritti e di Rsu, e validato tramite il voto della maggioranza dei lavoratori interessati». «Così come giudichiamo importante», ha aggiunto Landini, «la riaffermazione delle Rsu come soggetto unitario di rappresentanza dei lavoratori e che la loro elezione avvenga attraverso criteri puramente proporzionali».

LANDINI CHIEDE UNA NUOVA LEGGE. Ora, ha detto ancora il segretario generale della Fiom, «è necessario che questo accordo trovi la sua piena applicazione a partire dal settore metalmeccanico, per concludere definitivamente la pratica degli accordi separati». Ma visto che la questione Fiat non può essere risolta: «è necessario arrivare comunque ad una legge che garantisca la piena libertà sindacale in ogni posto di lavoro e per tutte le organizzazioni sindacali», ha concluso Landini.

Annunci